nonnonuvola

Vai ai contenuti

Menu principale:



La nuova  Europa

E’ il vento che a volte fa musiche bizzarre
come una grande ala  ci si infila in un treno
che contrasta con i destini di certe vite.
Ecco se puoi  pensa a me che sono vivo
anche se mi credono morto , prega per me
anche se ora  la musica batte
sulla ruota della mia bici batte sul tempo che passa.
Io mi arrabbio a volte con chiunque
non ci difenda, con chiunque mi dica
è ora che tu ti debba fermare.
Ecco  ora  il mio volto a volte delirante
su quest’aria di battaglia,  
ricordi immutati ,  che  portiamo nei  nostri figli,
nuove generazioni,  che si battono
per la nuova Europa.
E’ il vento che  scivola sulle mie spalle
nemmeno  dietro ingenui pensieri
neanche un attimo su voci riverse
nell’effluvio di pensieri e movimenti
sulla forza del destino.  

Noi siamo visi liberi dal silenzio
dopo un lungo viaggio.
Dentro un nuovo mondo
dentro un libero vento
nella distanza del tempo
nell’intensità del momento,
nell’unione oscillante dei suoni
in mezzo a noi per amare e gioire.
Perfetti senza illusioni
Eppure il volto di Dio lo si trova
raccogliendo  ricordi
come granelli che viaggiano
verso le linee della mano
come solchi nell’ombra
sui frammenti del quotidiano vivere.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu